Peter Sagan, un campione di stile

Pochi sanno che la stella della strada Peter Sagan ha iniziato la sua carriera ciclistica in mountain bike. Nel 2009 era compagno di squadra del nostro Marco Aurelio Fontana nel Cannondale Factory Racing Team. Marco e Peter hanno preso strade differenti, il primo rimasto nelle ruote artigliate, conquistando tra le altre cose la medaglia di bronzo alle ultime Olimpiadi e quella d’oro l’anno passato ai Mondiali nel Team Relay, il secondo invece ha fatto il grande salto nel mondo della strada. E da allora è diventato un fenomeno mediatico supportato da risultati consistenti e da una simpatia fuori dal comune.
Continua a leggere “Peter Sagan, un campione di stile”

Annunci
Le regole del divertimento

Le regole del divertimento

Era un insolitamente caldo mattino di fine novembre, dal cielo turchese e baciato da un tiepido vento di mezzogiorno. Tali condizioni estive sono comunque tipiche della parte meridionale della nostra penisola. Ma non siamo abituati così al nord ovest, con quel tipo di bel tempo che continua a rimandare il proverbiale cambio dell’armadio.
Una soleggiata domenica, a Finale Ligure, che probabilmente è stata una benedizione per gli escursionisti a piedi e gli appassionati di arrampicata sportiva. E per i biker, ancora abbigliati “in corto” come si suol dire, a salire e scendere sentieri insolitamente asciutti. Continua a leggere “Le regole del divertimento”

Terra di mezzo

Terra di mezzo

L’altro giorno stavo camminando lentamente lungo una staccionata, meravigliandomi del perché storicamente è così impopolare non prendere posizione. Rimanendo seduto sul suo bordo superiore – in equilibrio precario a un passo dal cadere all’indietro – mi sentivo tranquillo, godendo di una chiara ed eccellente vista del campo di fronte a me. Non dovendo scegliere se saltare all’interno sul campo o ritornare indietro sul sentiero, e non avendo alcuna pressante necessità di fare entrambe le cose, rimasi lì sulla staccionata e lasciai la proverbiale indecisione libera di guidarmi. I pensieri saltavano da un estremo all’altro, senza un filo conduttore… pensai come i politici in questo Paese sembrino seguire astiosi sbandamenti a destra o a sinistra, e come il popolo della bici a ruote artigliate sembri pronto a etichettare se stesso con tutte le ferventi convinzioni di martiri e zeloti.
I biker sono palesemente molto meno violenti e faziosi dell’esempio precedente, ma la danza della retorica non è tanto differente. Rimanere nella terra di mezzo, mantenendo una prospettiva bilanciata e tenendo in considerazione i molteplici punti di vista (e sforzandosi di considerarli ugualmente validi), non sembra essere una posizione veramente popolare. Specialmente dove bici, politica o la questione pensioni sono oggetto del nostro interesse. Continua a leggere “Terra di mezzo”