La ricerca di una linea impossibile

È passato veramente tanto tempo da quando sono stato un passeggero in un viaggio per una distanza qualsiasi. Una sorta di desiderio inconscio di essere un camionista su lunghe tratte, forse, mi ha tenuto al posto di guida delle cose per i (pochi) viaggi recenti. Così è stata una sorta di piacevole sorpresa l’essere seduto sul tranquillo lato del passeggero con niente di meglio da fare che guardare per ore fuori dal finestrino. E mentre osservavo all’esterno un paesaggio brullo alla mia destra, mi sono trovato ad andare in cerca di sentieri, connettendo linee. Con un occhio socchiuso e un dito a tracciare, stavo creando un percorso immaginario attraverso promontori e altopiani, che passavano accanto come lampeggiando tra i montanti laterali della fiancata, saltando da collina a collina, giù in caduta libera e attraverso i ruscelli, tessendo impossibili nuovi percorsi attraverso le aghifoglie, con un trail a 130 chilometri l’ora che era eccezionale e completamente privo di conseguenze.

Continua a leggere “La ricerca di una linea impossibile”

Annunci